stefano parisiMM Notizie Stefano Parisi 

Parisi su Libero:«Mi fanno la guerra? È perché sto vincendo»

L’ex candidato sindaco di Milano che vuole rifondare il centrodestra

«Mi fanno la guerra? È perché sto vincendo»

«Le resistenze dei forzisti di lungo corso le avevo messe in conto, se
non ci fossero vorrebbe dire che non sto cambiando il partito»

■ Arriva a braccetto di una signora elegante, capelli raccolti in uno
chignon. Ce la presenta: «Mia mamma». Novanta cinque anni, occhi
intelligenti, modi cortesi. Del resto Parisi, come ricorda lui stesso, è
di Roma. «La mia famiglia è ancora qui, anche se sono sempre in giro…».
Il tour che sta facendo, Energie per l’Italia, lo porta ogni giorno
lontano. Per questo fermarsi un pomeriggio nella Capitale è un lusso. E
lo è anche il contesto: il bellissimo Oratorio Baldini, tra piazza
Venezia e Botteghe Oscure, ospite del Piccolo Festival dell’Essenziale,
organizzato dal Centro culturale di Roma, appuntamento di poeti, attori
e danzatori. Lo hanno invitato a parlare di una parola: esilio. Parisi,
lei è un po’ in esilio per ricostruire il centrodestra, ma intanto
Matteo Renzi ogni giorno vi scippa un’ idea. L’ultima è l’abolizione di
Equitalia. Come si fa? «Renzi è furbo, cinico e spregiudicato. Sta
semplicemente cercando di prendersi gli elettori di Berlusconi. Quando
abolisce Equitalia, non lo fa perché sente che la società non ne ha
bisogno, ma perché l’ha detto Berlusconi. Stessa cosa con il Ponte sullo
Stretto. Spera di prendere i voti di quegli elettori e vincere il
referendum». Intanto però quelle cose le fa. «Non è vero. Le sue riforme
non hanno nulla di liberale. È la solita sinistra. Addirittura sta
abbassando l’età pensionabile. Ma ci rendiamo conto?».

Continua la lettura su: http://www.liberoquotidiano.it/

Related posts