Cosimo Maria FerriCosimo Maria Ferri MM Notizie 

⁠⁠⁠COSIMO FERRI: Lotta alla criminalità organizzata e alla corruzione

Sottosegretario alla Giustizia Cosimo Maria Ferri all’esito dell’approvazione al Parlamento Europeo della relazione sulla lotta alla criminalità organizzata e alla corruzione.

Con l’approvazione della relazione sulla lotta alla criminalità organizzata e alla corruzione arriva dal Parlamento europeo una nuova forte spinta a proseguire, in maniera decisa e prioritaria, nell’opera di contrasto al reato di appartenenza ad un’organizzazione a delinquere e nella lotta al riciclaggio, alla corruzione e alla tratta di esseri umani. Merita la massima attenzione il richiamo ad un approccio pluridisciplinare che invita gli Stati membri ad investire maggiormente nella promozione della cultura della legalità con progetti educativi a partire dalle scuole.
La transnazionalità che caratterizza l’operato moderno delle nostre più pericolose organizzazioni criminali di “mafia, ndrangheta, camorra” richiede questo processo di adeguamento quale condizione per poter garantire un efficace funzionamento degli strumenti di cooperazione di polizia e giudiziaria. A tale scopo la facilitazione nella condivisione delle informazioni attraverso le strutture comuni di Europol ed Eurojust dovrà accompagnarsi alla semplificazione delle procedure e al maggior impiego delle squadre investigative comuni, oggi riconosciute anche dall’Italia.
In linea con questo indirizzo il nostro membro nazionale italiano ad Eurojust ha, nei giorni scorsi, presentato un progetto per porre al centro dell’attenzione investigativa dei partner europei l’esigenza di rafforzare il contrasto al crimine mafioso per la sua capacità di infiltrazione nel tessuto economico, sociale ed istituzionale , a livello nazionale ed internazionale.
Del miglioramento degli interventi normativi, come sollecitati dal Parlamento europeo, potrà giovarsi anche l’azione del futuro Procuratore europeo laddove il suo assetto di competenze verrà perfezionato in base alle istanze più volte sollecitate dal Ministro della Giustizia>>.

Related posts