Cosimo Maria FerriCosimo Maria Ferri MM Notizie 

Cosimo Maria Ferri: Corruzione, controlli di prevenzione sulle opere oltre che implementare poteri Authorities

Cosimo Maria Ferri:

Il procuratore Pignatone, nell’intervista rilasciata oggi al Corriere della Sera, ha giustamente posto l’accento sul carattere sistemico e multilaterale della corruzione che può allargarsi anche a professionisti ed a chi è preposto al controllo. Occorre pertanto allargare lo spettro d’azione della prevenzione al pericoloso legame che a volte intercorre tra la realizzazione delle opere pubbliche e la corruzione. ‎La corruzione, si lega spesso  alla carenza di trasparenza nell’operato della pubblica amministrazione, tende ad annidarsi ovunque e molto spesso si articola sotto forma di tangente legata all’ottenimento di maggiori riconoscimenti durante l’esecuzione delle opere o sotto forma di riconoscimento di riserve non correlate ad una sopravvenienza di costo effettiva nella gestione della commessa pubblica che trovano spazio a causa dell’anomala e frequente difformità dei progetti esecutivi rispetto ai preliminari posti a base di gara, senza considerare l’inadeguatezza dei controlli in materia. ‎Per scongiurare il ripetersi di questo scenario è doveroso non solo implementare – come già avvenuto nel nuovo codice – il ruolo e i poteri delle Authorities di settore bensì rafforzare il lavoro di prevenzione attraverso specifici e mirati controlli sull’iter di realizzazione delle opere stesse. ‎In particolar modo, i responsabili della prevenzione e della corruzione delle amministrazioni appaltanti devono necessariamente disporre di mezzi e ‎strumenti adeguati per integrare, attraverso controlli autonomi rispetto a quelli compiuti dai tecnici ‎dei direttori dei lavori. Obiettivo possibile attraverso la previsione della necessità dell’invio, anche al responsabile della corruzione presso la committenza, dei rapporti periodici sull’andamento dell’opera (problematiche, maggiori oneri, riserve, varianti, contestazioni) che il direttore dei lavori trasmette al responsabile del procedimento e creando una sovrastruttura che assicura maggiore trasparenza nell’esecuzione dei contratti pubblici, perché maggiore è la trasparenza, minore sarà il rischio di fenomeni corruttivi”.

Related posts