Cosimo Maria FerriCosimo Maria Ferri MM Notizie 

Carceri, Ferri visita ‘Piazza Lanza’ a Catania. Esempio per valorizzare funzione rieducativa pena

++  Carceri, Ferri visita ‘Piazza Lanza’ a Catania. “Esempio per valorizzare funzione rieducativa pena  ++

Il sottosegretario al ministero della Giustizia, Cosimo Maria Ferri, ha visitato stamattina la casa circondariale ‘Piazza Lanza’ di Catania, uno dei penitenziari più antichi in Italia che e’ stato interessato da diversi e importanti interventi di ristrutturazione. La struttura e’ passata dai 900 detenuti del 2002 a 383, rendendo possibile attivare una rieducazione seria: questa riduzione ha consentito una razionalizzazione degli spazi e di conseguenza e’ stato possibile attivare seriamente la progettualità di rieducazione. La sezione femminile e’ stata ristrutturata e verrà ulteriormente ampliata, portandola a 50 posti e a breve ci sarà l’inaugurazione del secondo piano della sezione Etna, un esempio e un modello di buona ristrutturazione e in termini di spazi adeguati e funzionali allo stato detentivo. Il sottosegretario ha poi visitato il reparto Nicito, riaperto nell’agosto del 2014, sezione destinata all’isolamento dei detenuti per motivi giudiziari, sanitari o disciplinari, e ha poi assistito all’inizio di una partita di calcio nel campo sportivo realizzato nel giugno 2016. Durante la visita il sottosegretario ha più attraversato la porta Giubilare, creata presso la cappella, ha compiuto una visita presso la sala colloqui denominata ‘Topolino’, dove è stato realizzato l’albero della legalità dai ragazzi del liceo artistico Emilio Greco di Catania. L’obiettivo ora è completare e realizzare la ristrutturazione del piano terra della sezione Etna che andrebbe destinata alla sezione maschile. “I lavori di ristrutturazione e di adeguamento compiuti all’interno della struttura costituiscono un esempio virtuoso in termini di efficienza: spazi adeguati aiutano, e sensibilmente, ad affermare la dimensione rieducativa della pena, requisito imprescindibile per una politica della giustizia e detentiva degna di questo nome”, ha dichiarato il sottosegretario.

Related posts