fabrizio cicchittoFabrizio Cicchitto MM Notizie 

Cicchitto (NCD): Non fare i conti con politica imperiale Russia vuol dire essere ciechi o subalterni

L’onorevole Fabrizio Cicchitto, presidente della Commissione Affari Esteri e Comunitari della Camera, nell’esprimere il suo consenso alla relazione del ministro degli Esteri Angelino Alfano, ha aggiunto le seguenti osservazioni:

“Andamento del tutto imprevedibile della globalizzazione, crisi finanziarie del 2008-2010 che hanno prodotto una lunghissima  recessione, eccessi di rigorismo sulla politica economica dell’UE costituiscono il retroterra strutturale dell’attuale situazione geopolitica che vede la crisi di tutti gli equilibri del passato.
In primis gli USA, ma tutto l’Occidente, non si sono accorti in tempo del terrorismo islamico. Per opposte ragioni ben due presidenze USA, quella di Bush jr e quella di Obama, hanno fallito sul terreno della politica estera. La vittoria di Trump discende anche da ciò. Su questo fallimento si è innestata la politica imperiale e di potenza della Russia, dall’Ucraina alla Crimea, alla Siria, adesso in Libia. Non fare i conti con essa vuol dire o essere ciechi o subalterni e non è una questione che riguarda le sanzioni, ma la geopolitica globale.
A questo punto l’Europa non ha più rendite di posizioni: essa deve dimostrare se esiste sia sostenendo la NATO sia dotandosi davvero di una politica estera e della difesa comuni.
Israele deve avere la nostra piena solidarietà. Ciò detto è auspicabile che blocchi gli insediamenti e che gli USA lascino la loro ambasciata a Tel Aviv.
Per ciò che riguarda l’Europa la contestazione sullo 0.2 è surreale e non fa i conti con le infrazioni ben più rilevanti dell’Europa nei nostri confronti sul terreno dell’immigrazione e di quelle consentite a Spagna e Portogallo”.

Related posts