MM Notizie 

DONNE PROFESSIONISTE: SI E’ RIUNITO IL TAVOLO DI LAVORO PRORETE

Si è discusso del progetto della banca dati delle professioniste per la P.A. previsto dal protocollo d’intesa firmato dagli organismi che rappresentano le professioni e il Dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio.
Si è riunito martedì, presso la sede del Consiglio Nazionale Ingegneri, il tavolo di lavoro sui Protocolli ProRete P.A. Il tavolo è previsto nell’ambito del protocollo di intesa firmato dal Dipartimento di Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio e i seguenti organismi che rappresentano il mondo delle professioni: CNI, Confprofessioni, Consiglio Nazionale Notariato, Consiglio Nazionale Consulenti del Lavoro, Cassa Forense, Consiglio Nazionale Forense, Consiglio Nazionale Commercialisti. Ogni Consiglio ha delegato un proprio consigliere per rappresentarlo al tavolo che si riunisce con periodicità mensile.
Nel corso dei lavori è stato fatto il punto della situazione sul progetto ProRete, una banca dati delle professioniste per le Pubbliche Amministrazioni. La finalità è quella di avviare una campagna di sensibilizzazione per favorire l’iscrizione delle donne professioniste, in modo che la P.A. possa attingere ad essa nell’azione di reclutamento di professionisti da inserire all’interno dei consigli di amministrazione.
Il tavolo ha anche avviato la discussione relativa all’istituzione di un corso di formazione di base che offra alle professioniste una preparazione completa, che vada oltre i loro abituali ambiti lavorativi, in modo che possano affrontare adeguatamente il compito di consigliere di amministrazione.
“E’ un grande piacere per il CNI ospitare questo tavolo di lavoro – ha detto Armando Zambrano, Presidente del Consiglio Nazionale Ingegneri salutando i partecipanti -. Consideriamo di grande importanza questo protocollo d’intesa Pro-Rete col Dipartimento di Pari Opportunità perché può aiutare le nostre professioniste ad affermarsi, dimostrando di avere notevoli qualità che oggettivamente possiedono ma che non sempre riescono ad emergere”.
“Accrescere la presenza di professioniste negli organi di amministrazione e controllo delle società pubbliche è una esigenza posta dalla legge sulle quote genere – ha puntualizzato Monica Parrella, dirigente generale del Dipartimento per l pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri – ma con il progetto ProRete PA stiamo facendo un passo avanti: maggiore trasparenza delle nomine pubbliche e  più opportunità per tutte di candidarsi”.
“Crediamo fermamente nella necessità e nella utilità della presenza delle donne ingegnere nei consigli di amministrazione delle aziende – ha detto Ania Lopez, Consigliere Iunior del CNI -. Esse rappresenterebbero, infatti, una presenza qualificata, soprattutto nelle aziende che per essere ben amministrate necessitano di conoscenze di tipo tecnico”.
Il CNI ha ospitato per la prima volta la riunione del tavolo di lavoro Pro-Rete. Questa partecipazione conferma il suo impegno nella promozione del ruolo delle donne ingegnere. Da anni, infatti, organizza l’evento Ingenio al femminile che, ogni anno, presenta al pubblico i casi di eccellenza dell’ingegneria italiana al femminile. L’edizione 2017 di Ingenio al femminile è prevista per il prossimo 12 ottobre a Roma.

Related posts