FerriCosimoMariaCosimo Maria Ferri MM Notizie 

Cosimo Maria Ferri (sottosegr. ministero Giustizia): Giustizia, Bicentenario del Corpo di Polizia Penitenziaria, verso nuove sfide con consapevolezza e responsabilità

Cosimo Maria Ferri (sottosegretario ministero Giustizia)

Dopo 200 anni dalla sua istituzione questa forza di polizia dello Stato saprà affrontare compiti sempre più complessi e rispondere con competenza e professionalità alle moderne esigenze del mondo carcerario. Desidero ringraziare le donne e gli uomini della polizia penitenziaria per il sacrificio e la professionalità che mettono in campo quotidianamente a servizio dell’Amministrazione e del nostro Paese. Viviamo il culmine di un percorso che, a partire dagli Stati generali dell’esecuzione penale, si sta concretizzando nell’attuazione della legge delega per la riforma dell’ordinamento penitenziarioe la Polizia penitenziaria è chiamata a svolgere un ruolo di primo piano nel nuovo modello detentivo ispirato alla differenziazione dei percorsi penitenziari in relazione alle condizioni personali del condannato ed alla individualizzazione del trattamento rieducativo. Mi riferisco, ad esempio, al previsto coinvolgimento del Corpo nel miglioramento del sistema di controlli richiesto dall’ampliamento dell’accesso alle misure alternative disegnato dalla legge n. 103 del 2017 e, al tempo stesso, al processo di responsabilizzazione dei detenuti ai quali tutto il personale di Polizia penitenziaria è chiamato a trasmettere quotidianamente i valori della lealtà e della legalità. La Polizia penitenziaria  diventa insomma uno strumento fondamentale per favorire il dialogo e l’integrazione tra i detenuti e da parte delle Istituzioni deve essere massimo l’impegno, dalla formazione al miglioramento delle condizioni lavorative, per far sì che essa possa effettivamente favorire la mediazione tra diverse culture e religioni nelle carceri. La Polizia penitenziaria saprà raccogliere con consapevolezza e responsabilità questa nuova sfida, che la vede protagonista in compiti ed attività sempre più evoluti sulla strada del rafforzamento dei diritti dei detenuti.
Non posso infine dimenticare la delicata attività di studio e analisi del terrorismo, che il Corpo ha portato avanti in questi anni all’interno delle carceri, per prevenire e contrastare il fenomeno della radicalizzazione. Un prezioso lavoro di ricerca e raccolta di notizie che vengono poi valutate e condivise all’interno del Comitato Analisi Strategica Antiterrorismo (CA.S.A.), un tavolo permanente di cui fanno parte le forze di polizia e le Agenzie di intelligence.
Lo ha dichiarato il Sottosegretario Ferri a margine della cerimonia celebrativa del Bicentenario del Corpo di Polizia Penitenziaria svoltasi stamani a Roma alla presenza del Presidente della Repubblica.

Related posts