Giovanni La Via MM Notizie 

La Via(AP): Non si tratta di ridurre lo sviluppo rurale ma di creare le condizioni per il suo funzionamento, o cresce il bilancio o si riprogrammano gli obiettivi

La Via, “Il nostro Psr quello con una maggiore dotazione finanziaria. Occorre riprogrammare”.

Catania, 13.10.17. “Rimodulazione”, “semplificazione”: sono le parole chiave utilizzate nel suo intervento dall’eurodeputato Giovanni La Via, presente questa mattina al convegno della Cia, all’hotel Parco degli Aragonesi,”Pac: tra passato e futuro”, in occasione del quarantennale della Confederazione. La tutela delle eccellenze e del territorio è l’obiettivo spesso intralciato da una burocrazia complessa e dallo sperpero delle risorse. “Fino a quando non sarà definita l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea, sarà difficile avere un quadro chiaro dei fondi di cui disporre” ha premesso La Via, che da assessore regionale all’Agricoltura dal 2006 al 2009 poi da europarlamentare, ha promosso politiche virtuose per il settore, scontrandosi anche con problematiche connaturate alla terra e al “sistema”. Oggi in qualità di vicepresidente designato per il centrosinistra alle prossime regionali, le stesse problematiche e istanze degli imprenditori ritornano in un programma che prevede ampio spazio per l’Agricoltura..
“Ogni anno -spiega La Via- l’ Europa spende 52 miliardi di euro per la Pac, 500 milioni di euro vanno a 18 milioni di indigenti. Tre miliardi costa sull’asse 3 la politica dell’immigrazione. O cresce il bilancio oppure non si può pensare di prendere tutto dai fondi per le politiche essenziali. Bisogna riprogrammare rivedendo gli obiettivi. Non si tratta di ridurre lo sviluppo rurale ma di creare le condizioni per il suo funzionamento”, ha concluso l’europarlamentare.

Related posts