Cicchitto (AP): Separazione dei poteri, Giustizia non giustizialismo, sentenza non è quella anticipata da gogna mediatica

Cicchitto: Esiste in Italia la necessità di ripristinare l’equilibrio fra i tre poteri dello Stato: esecutivo, legislativo e giudiziario. A partire dagli anni ‘80-90 l’equilibrio è saltato: la figura del magistrato ha smesso di essere terzo e si è assunto un ruolo di stampo rivoluzionario poi tradotto nella giurisdizione​. Ciò è stato accentuato attraverso i media. Abbiamo visto negli anni della Seconda Repubblica situazioni al di fuori dello stato di diritto, con tanto di “sentenze anticipate”, magari tramite l’azione di media che danno grande risalto alle indagini della magistratura e spesso nascondono le assoluzioni che arrivano diversi anni dopo. Opporsi alla repubblica giudiziaria è indispensabile per tutelare la democrazia.

Related posts