Cicchitto (AP): AP, costruire uno schieramento dei moderati-riformisti con lista autonoma dei centristi

Cicchitto:

È vero quello che afferma Maurizio Lupi che come Alternativa Popolare non ci siamo rivolti al centro destra ma si è trattato di una scelta politica precisa perché noi, al di là degli insulti di Salvini, non possiamo stare in un’alleanza con la Lega e con Fratelli d’Italia e con le posizioni strategiche che essi esprimono. Invece ci siamo rivolti a Berlusconi e a Forza Italia per realizzare una grande area di centro. Non abbiamo neanche avuto una risposta, ma la situazione è chiara perché Berlusconi ha fatto una scelta di segno opposto, quella cioè di mediare proprio con la Lega e con Salvini, quindi non sulla linea della Merkel, ma su quella dei popolari austriaci che hanno fatto un’intesa con l’estrema destra, scelta francamente aberrante. Ciò detto così come nel passato l’esigenza fondamentale era quella di battersi contro il giustizialismo di sinistra oggi è indispensabile costruire un argine contro l’avventurismo del Movimento 5 Stelle, il sovranismo e l’estremismo di destra della Lega e di Fratelli d’Italia. Per fare una scelta politica in modo serio AP deve capire quale è il punto di sintesi a cui approda il dibattito in corso nel PD e se vengono difese e tutelate le scelte positive fatte da questo governo in primo luogo sulle politiche del lavoro, sulla parziale riduzione della pressione fiscale, sulla responsabilità civile dei giudici, sulla famiglia. Per questo per me una scelta auspicabile è quella di costruire uno schieramento dei moderati e dei riformisti con una lista autonoma dei centristi. Solo qualora tutto ciò non fosse possibile e praticabile allora è ipotizzabile la scelta di andare da soli. Comunque in una contrapposizione assai netta e rigorosa ad una destra assai pericolosa.

Related posts