MM Notizie 

Annalisa Chirico a IL TEMPO: “Se l’imprenditore ha paura del magistrato una nazione non è libera”

Annalisa Chirico a IL TEMPO: “Se l’imprenditore ha paura del magistrato una nazione non è libera”

Il saggio In questo estratto del libro di Annalisa Chirico la lezione di Giovanni Falcone sull’informazione di garanzia «nell’interesse dell’indiziato»
Un brano dal libro «Fino a prova contraria»

Contro la repubblica giudiziaria dobbiamo anzitutto mettere in sicurezza l’abc dello Stato di diritto. Basterebbe mandare a memoria la lezione di Giovanni Falcone sull’informazione di garanzia, non una coltellata da potersi infliggere così ma qualcosa che deve essere utilizzata nell’interesse dell’indiziato». È profondamente immorale che si possano avviare delle imputazioni e contestare delle cose nella assoluta aleatorietà del risultato giudiziario». La cultura del sospetto non è l’anticamera della verità, è l’anticamera del khomeinismo». Una volta salvaguardati i pilastri della democrazia, si potrà ragionare sui diversi campi d’intervento. C’è una gigantesca questione organizzati-va che non va elusa; esistono uffici giudiziari che, a parità di norme e risorse, registrano divari di produttività ragguardevoli. Un buon magistrato non è per forza un buon dirigente, oltreoceano il court manager non è laureato in Giurisprudenza ma in Business administration. Bisogna proseguire nella direzione di una magistratura specializzata per venire incontro alle esigenze delle imprese: le ragioni del diritto e dell’economia non sono destinate a fare a pugni, né può ritenersi libero il paese dove l’imprenditore onesto ha paura del magistrato. C’è un’eccessiva domanda di giustizia, un gran numero di illeciti sarebbero affrontati in modo più efficace e celere nell’ambito della stessa amministra-zione e, in ogni caso, con metodi di risoluzione extragiudiziale. È necessario separare le carriere di magistrati e giornalisti, non limando l’ennesimo avverbio di un divieto già in vigore, ma introducendo sanzioni effettivamente dissuasive (una multa di poche decine di euro non lo è). E, infine, quale effetto deflattivo avrebbe sul carico pendente l’introduzione di una regola semplice semplice: se lo Stato ti assolve…

Continua la lettura su www.iltempo.it

Related posts