Sgarbi VittorioMM Notizie Vittorio Sgarbi 

Sgarbi: Leggo interventi inutili e vaniloquenti, in un dibattito che non esiste su una proposta che non ho fatto

Leggo interventi inutili e vaniloquenti ,in un dibattito che non esiste su una proposta che non ho fatto e che non mi convince. Ha dunque ragione il presidente Musumeci ad invitare i suoi assessori a non parlare con la stampa.Nella fattispecie ,dopo una riunione con i soprintendenti  a Catania,sul tema delle dimore storiche,sono stato insistentemente chiamato a fare dichiarazioni vagamente personali sul tema dell’arte e del vino; e una persona che non avevo identificato come giornalista ma organizzatore del Best in Italy per il 5 Febbraio al Teatro Massimo di Palermo ,Fabrizio Carrera, segnalatomi da Oscar Farinetti, mi ha chiesto opinioni sul rapporto fra Arte Food e comunicazione. A quel punto, in ipotesi e senza alcuna volonta’ politica ,ma per suggestione comunicativa ,ho indicato il”Satiro danzante” emblema naturale di importanti manifestazioni internazionali come il Vinitaly ,la cui tempistica e’ un lampo che ,in una settimana ,porta a Verona piu’ persone che al Museo di Mazara del Vallo in 3 anni. Ovviamente dentro di me immaginavo una breve concessione onerosa di almeno 500mila euro per le languenti casse della Regione Sicilia,proprietaria del “Satiro danzante”.Sulle questioni sollevate da molti, da sinistra a destra ,dal sindaco di Mazara del Vallo al Pd ,non entro perche’ le condivido e le anticipo. Non mi piace discutere ,come spesso accade ,non solo in Sicilia ,su quello che non c’e’. La fragilità’ dell’opera non le ha impedito di correre il mondo e ha evidenziato la menzogna della commissione ministeriale che, senza presupposti tecnici ,nego’ il prestito dei Bronzi di Riace all’Expo. Una giornalista siciliana ,Silvia Mazza,ha denunciato,proprio in questi giorni, l’infedelta’ dei tecnici.Ho sempre ricordato proprio il “Satiro danzante” come esempio della intelligente autonomia laica dell’amministrazione autonoma della Sicilia. Mi accorgo invece che anche i politici vogliono demagogicamente asservirsi alle menzogne dei tecnici per rendere prigioniere le opere anche rispetto a progetti utili e benefici. Ma in realta’ non esiste alcune mia volonta’ di spostare l’opera, che appartiene alla Regione e non al Comune ,e non ho indicato nessuna posizione ne’ ufficiale ne’ personale. Convinto come sono che i Beni Culturali stiano bene a casa loro. Liberi ,non prigionieri di ignoranza ,incapacita’ e desolazione. Questo vale anche per la “Dea di Morgantina”della quale, come del Satiro, non vedo promozione,in Sicilia .Appena ho sospirato si e’ aperto un “dibattito” ,e da qui può ‘ partire non una polemica ma una dialogo sul destino e l’efficienza dei musei. Il resto non esiste ,se non per consentire a Cristaldi e a Ferrante di chiedermi di desistere (da cose che non voglio) per tentare di esistere.

Related posts