fabrizio cicchittoFabrizio Cicchitto MM Notizie 

Cicchitto: Elezioni, l’Italia dimezzata con un Centro che non esiste più e destabilizzazione l’unica eredità di questa situazione

On. Fabrizio Cicchitto Parlamentare di Civica Popolare:

L’Italia è spaccata in due. Al centronord dove è arrivata la crescita economica avvenuta anche per merito del governo Renzi e di quello Gentiloni tuttavia il fattore costituito dall’immigrazione ha rappresentato il propellente per la vittoria della Lega guidata da Salvini su una linea radicale. Nel sud, invece, la ripresa non è arrivata e le difficoltà economiche hanno costituito uno, non il solo, degli elementi che hanno fatto da propellente per il Movimento 5 Stelle. Sul piano politico purtroppo da tempo Renzi ha finito la sua spinta propulsiva e però non ha fatto guidare la campagna elettorale e attribuito la leadership a Gentiloni. Perdipiù, non avendo la cultura della coalizione la segreteria del PD ha cannibalizzato le liste alleate usandole come donatori di sangue. Su questo terreno però va detto che solo la Bonino ha cercato di reagire a questa tendenza con forza e dignità politica. Purtroppo la linea di Renzi non è stata contestata ma anzi è stata assecondata e subìta da chi ha guidato Civica Popolare che non ha avuto una posizione politica autonoma in questa campagna elettorale. La sconfitta di Berlusconi e di Forza Italia, il disastro di Noi con l’Italia, la disfatta di Civica Popolare mettono in evidenza che è stato un errore non aggregare insieme tutte le forze di centro e invece dividerle, a partire dalla rottura sul governo Letta. Berlusconi ha svolto il ruolo di apprendista stregone e non quello di leader egemone mentre le sue televisioni hanno fatto da traino alla rabbia leghista. Un altro fallimento è stato quello di Liberi e Uguali. Da tutto ciò l’Italia risulta il paese più destabilizzato d’Europa con rischi d’ogni tipo.

Related posts