Luigi BisignaniLuigi Bisignani MM Notizie 

Bisignani a Il Tempo: Come finirà tra M5S e Lega

Di Maio e Salvini vicepremier. Così sarà il governo Lega-5 Stelle

A Palazzo Chigi. Potrebbe andare un tecnico. E Berlusconi non starà a guardare

Caro direttore, il futuro governo Lega-5 Stelle è per Berlusconi l’unico modo per sopravvivere allo tsunami del 4 marzo. E se ne è convinto. Dai polverosi archivi del Quirinale, Mattarella sta tirando fuori soluzioni spiazzanti e tutti quei precedenti che garantiscano la più ampia maggioranza parlamentare, ricorrendo, magari nei primi mesi, anche ad un voto di astensione giustificato dalla presenza di ministri tecnici di area che avranno il gradimento di Forza Italia. Ma per i 5 Stelle basterà questo stratagemma? Sarà arduo far digerire ai suoi 11 milioni di elettori la presa di potere, fingendo di aver messo in un angolo l’odiato Cavaliere con i suoi pasdaran. Come Il Tempo va scrivendo dal 2015, si compie il sogno di potere di Gianroberto Casaleggio e la sua rivoluzione morbida, accompagnata dalla selvaggia, ma efficace, protesta di Beppe Grillo. Resta però da capire chi guiderà questo esecutivo tra Salvini, rimasto fuori dalle presidenze di Camera e Senato, o Di Maio, «lanciato» leader pentastellato che però appare terrorizzato dal dover entrare a Palazzo Chigi. Chi può dargli torto se dovrà spiegare che il reddito di cittadinanza è difficile da realizzare, portando la stantia giustificazione che i conti pubblici sono peggiori di quelli che immaginava. Ecco allora che dal cilindro del Quirinale può uscire un’altra clamorosa novità: un Premier apprezzato in Italia ed all’estero, magari un ambasciatore con forti esperienze ministeriali, coadiuvato da due vicepresidenti operativi, come appunto Di Maio e Salvini, in uno speciale super Consiglio di gabinetto, di democristiana memoria, con deleghe ripartite rispettivamente per economia ed interni, ed un gruppetto di accattivanti e giovani ministri che daranno l’immagine di un mondo nuovo, con tanti slogan, senza apparati e auto blu. Vedi alla voce Roberto Fico, che gira in autobus. In tal modo si potrà andare avanti fino a dicembre per poi capire se è il momento di tornare alle urne per fare definitivamente il pieno di voti, magari con un partito unico Lega-5 Stelle e soprattutto senza che Giggino e Matteo si siano logorati dentro i palazzi del potere. E prima che il Pd si riprenda dal colpo mortale che ha subito.

Related posts