Elisabetta Gardini MM Notizie 

MIGRANTI, GARDINI (FI): GESTIONE FLUSSI NON SI PUO’ RIDURRE A DEMAGOGIA E SLOGAN

(9Colonne) Bruxelles, 16 mag – “La questione migratoria è al centro delle polemiche e del malcontento nazionale, giustamente. È una questione troppo seria per poter essere affrontata soltanto con slogan demagogici e annunci di politiche di rottura. Si fa presto a dire “chiudiamo tutto”, bisogna conoscere fronti e dimensioni del problema.
Da parlamentare europea che si è occupata delle emergenze senza timore di esporsi , posso dire che in questi anni dei progressi sono stati compiuti, ma che siamo ancora lontani non solo dalla soluzione ma anche dalla gestione controllata del fenomeno, e che se il Trattato di Dublino va modificato urgentemente, non è il solo responsabile della situazione nella quale ci troviamo
Gli arrivi dalla Turchia, con la quale l’Unione Europea ha stipulato un accordo nel 2016, sono purtroppo aumentati vistosamente negli ultimi due mesi, addirittura di 9 volte per il confine terrestre.
C’è poi la rotta balcanica, quella teoricamente chiusa dall’Ue con uno sforzo diplomatico ed economico di investimenti con i Paesi candidati. Da Albania, Montenegro e Bosnia-Erzegovina assistiamo a sconfinamenti, a tentativi di entrare.
Infine c’è la rotta del Mediterraneo centrale, quella che ci riguarda più da vicino come italiani. Devo sfatare alcune leggende, perché durante i primi mesi dell’anno in corso, si registra una diminuzione del 77% degli sbarchi rispetto allo stesso periodo del 2017. Con l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Iom), nel 2018 sono anche stati compiuti ritorni volontari dalla Libia per 6.185 persone.
Guai pero’ a credere che sia finita la fase di emergenza e disimpegnarsi. Tutto ricomincerebbe come prima.
Si parla molto di assistere i migranti a casa loro perché non debbano partire, però al piano per l’Africa, concepito per investire nel continente ed evitare le partenze, mancano 1,2 miliardi di euro, che le capitali di molte nazioni dell’Unione hanno promesso.
Di tutto questo si discutera’ sicuramente questa sera nel vertice dei leader europei a Sofia. La partecipazione piena di Silvio Berlusconi al vertice è una grande garanzia per gli italiani e di conforto per chi opera in Europa con impegno e dedizione e vede con dolore il grande discredito di cui soffre l’attività del Parlamento Europeo”. Così in una nota Elisabetta Gardini, europarlamentare di Forza Italia-PPE.

Related posts