fabrizio cicchitto Fabrizio Cicchitto MM Notizie 

Cicchitto: MORO, da perversa simbologia a lotta armata ce ne corre… ma sbagliato sottovalutare…

Fabrizio Cicchitto (Civica Popolare): La sigla BR sulla lapide dell’assassinio di Moro e dei 5 uomini della scorta e le scritte su Biagi alla Università di Modena, addirittura con l’evocazione nominativa di uno dei suoi assassini, non vanno sottovalutate perché esse sono dei segnali folli a sottolineare l’esistenza di un’area che allo stato si riconosce verbalmente nella pratica del terrorismo di estrema sinistra. Il passaggio dall’evocazione dei simboli alla azione armata è certamente complesso ma sarebbe sbagliato sottovalutare la gravità di questi segnali.

Read More
Isabella Rauti MM Notizie 

Rauti (FdI): MORO, son tornate le Brigate Rosse?

Sen. Isabella Rauti (Fratelli d’Italia): Nel buio della notte qualche vigliacco senza onore ha “sfregiato”  con le iniziali BR, il nuovo monumento commemorativo dedicato ai cinque agenti di scorta dell’On Aldo Moro, trucidati in Via Fani il 16 marzo di 40 anni fa, nel giorno del rapimento del Presidente della Democrazia Cristiana, che pagó con la vita l’odio comunista e l’attacco al cuore dello Stato. La lapide era stata recentemente profanata, con la scritta “morte alle guardie” ed è Vergognoso che il nuovo monumento funebre, inaugurato il 16 marzo scorso…

Read More
FerriCosimoMaria Cosimo Maria Ferri MM Notizie 

Ferri (sottosegretario ministero Giustizia): MORO, atto vile e vergognoso, non abbassare la guardia

Cosimo Maria Ferri (sottosegretario ministero Giustizia): Sono vicino alle famiglie degli agenti di Aldo Moro, i cinque uomini di scorta che furono uccisi dai terroristi, per l’ennesimo atto vergognoso, l’imbrattamento con la scritta BR in rosso della lapide in loro memoria, inaugurata lo scorso 16 marzo alla presenza del capo dello Stato, Mattarella. Il gesto vile ci riporta indietro di tanti anni, ad uno dei momenti più bui e più difficili della storia italiana, quando fu tentato un vero e proprio attacco alla democrazia.

Read More
Malan Lucio Malan MM Notizie 

Malan (FI): Moro, nessuno pensi di approfittarsene in periodo transitorio Istituzioni

Sen. Lucio Malan (Forza Italia, Questore del Senato): Aleggia ancora l’ombra delle Brigate Rosse o si tratta di un mitomane senza cervello? Imbrattare con la scritta BR la lapide ad Aldo Moro è inquietante. Mi auguro che nessuno pensi di approfittare di questo periodo transitorio delle Istituzioni per tentare di ricreare una strategia della tensione.

Read More
Cesa Lorenzo Lorenzo Cesa MM Notizie 

Cesa (Udc-NcI): Moro, sfregio alla memoria di chi ha dato vita per nostra Repubblica, gesto criminale

Europarlamentare On. Lorenzo Cesa (presidente di Noi con L’Italia UDC): Non è solo uno sfregio a un monumento ma è uno sfregio alla memoria e al sacrificio di chi ha dato la vita per la nostra Repubblica. Lo sfregio al monumento che ricorda le vittime dell’attentato di via Fani a Roma è un crimine che offende tutti gli italiani. Ci auguriamo che i responsabili di tale ignobile e vergognoso gesto vengano individuati e assicurati alla giustizia. E auspico infine che da tutte le forze politiche, in modo bipartisan, arriva una…

Read More
Bordoni Davide Bordoni MM Notizie 

Bordoni (FI): MORO, ennesimo sfregio a memoria vittime, condanna sia unanime

Davide Bordoni (capogruppo Forza Italia Comune di Roma): Uno sfregio, un altro vergognoso gesto che non dobbiamo sottovalutare la scritta in rosso BR sul monumento, inaugurato il 16 marzo scorso, che ricorda  le vittime dell’agguato di via Fani, i cinque  uomini della scorta di Aldo Moro uccisi dai terroristi. Tutte le forze politiche devono unanimemente condannare questo crimine, dobbiamo essere compatti e uniti in difesa della democrazia e della memoria per scongiurare un ritorno agli anni bui della storia del nostro Paese. Spero che i responsabili di tale ignobile atto…

Read More
Santanchè Daniela Santanchè MM Notizie 

Santanchè (FdI): Moro, atti di violenza e vandalismo non sono finiti con la campagna elettorale, ora serve risposta più decisa

Sen. Daniela Santanchè (Fratelli d’Italia): Al di là delle diversità delle idee politiche, chi si permette di imbrattare la lapide di uno statista morto ammazzato dalle Brigate Rosse rievocandone le iniziali o è un cretino o è un criminale. Le Istituzioni devono rispondere con assoluta fermezza perché evidentemente gli atti vandalici e le violenze non sono finite con la campagna elettorale.

Read More
Fabrizio Cicchitto Fabrizio Cicchitto MM Notizie 

Cicchitto (CP): Moro, da Balzerani arroganza senza limiti che mette in evidenza un certo lassismo del tutto italiano nei confronti del terrorismo rosso

Fabrizio Cicchitto (Civica Popolare) Alla Balzerani non devono rispondere solo i parenti delle vittime. La Balzerani e’ indisponente e parla con l’arroganza di un gruppo di autentici privilegiati che hanno scelto per loro spontanea volontà di uccidere Moro, e gli agenti della scorta Oreste Leonardi , Domenico Ricci, Francesco Zizzi, Raffaele Iozzino e Giulio Rivera e che dopo 15/20 anni sono tutti usciti dal carcere e adesso vengono trattati dal sistema mediatico come degli autentici maitre a’ Penser. Una cosa incredibile che può succedere solo in Italia e che mette…

Read More
Cesa Lorenzo Lorenzo Cesa MM Notizie 

Moro: Udc, un minuto di silenzio in memoria dei servitori dello Stato

L’UDC – che stamane a Roma si è riunito alla presenza del segretario nazionale Lorenzo Cesa e del presidente Antonio De Poli con i segretari regionali del partito per un’analisi del voto del 4 marzo – ha osservato un minuto di silenzio nel giorno della commemorazione del sequestro di Aldo Moro e degli agenti della scorta, avvenuto il 16 marzo 1978.

Read More
fabrizio cicchitto Fabrizio Cicchitto MM Notizie 

Cicchitto: Caso Moro, il gelido Andreotti, l’irresoluto Zaccagnini, il colto Galloni

Fabrizio Cicchitto (Civica Popolare) dalle pagine de IL Dubbio: E’ inutile tergiversare: qualche ora dopo che Moro era stato rapito e la sua scorta massacrata il gruppo dirigente del PCI al completo, il gelido Andreotti, l’irresoluto Zaccagnini, il coltissimo Giovanni Galloni lo diedero per morto e si attestarono tutti sulla linea della più assoluta fermezza. Ma la teoria della fermezza coprì una prassi fondata sull’inerzia. Questa inerzia è tanto più evidente se si fa il paragone con quello che fu fatto successivamente per liberare il generale Dozier: con il permesso…

Read More